Gli Etruschi e le acque sotterranee

sabato 12 marzo 2011
di  Emilia MACCIONI
popolarità : 9%

GLI ETRUSCHI E LE ACQUE SOTTERRANEE

Gli Etruschi erano un popolo che abitava l’Italia centrale in un periodo compreso tra l’VIII e il III secolo a.C. Abitarono un territorio compreso tra due grandi fiumi: il Tevere e l’Arno in una regione che da loro prese il nome di Etruria.

Vivere vicino ai fiumi, nelle valli o in pianura non era una buona cosa: l’acqua poteva allagare le terre intorno. Perciò, vicino ai fiumi c’erano fango, acquitrini e insetti. A vivere lì vicino si potevano prendere delle malattie. Per questo gli Etruschi costruirono le loro città sulle colline, non tanto lontano dal fiume, ma neppure troppo vicino. Gli Etruschi avevano studiato bene il territorio: sapevano che, quando piove, l’acqua penetra nel terreno e avevano capito che c’è tanta acqua nella terra. Per questo motivo, costruirono una rete di canali sotterranei; i canali erano scavati nella pietra oppure erano costruiti con i mattoni. Lì dentro andavano a finire tutte le gocce d’acqua della terra, così esse venivano raccolte. I canali erano lunghi, attraversavano le colline. Sopra il canale sotterraneo, che era come una galleria, c’erano dei pozzi che servivano per prendere l’acqua e per far passare l’aria. La galleria non era proprio piatta, ma un po’ in pendenza, così l’acqua scendeva lentamente. Alla fine della galleria c’era l’uscita, sul fianco della collina.

A CHIUSI

Sotto la collina della città di Chiusi, in Toscana, c’è ancora adesso una rete di gallerie: le gallerie sono alte più di due metri e larghe un metro. Servivano proprio per raccogliere l’acqua della terra e usarla poi nella città e nei campi. Le gallerie sono tante e si incrociano tra loro, così la gente le chiama Il labirinto del re Porsenna. Porsenna era un re etrusco. L’acqua piovana cadeva sulla terra e penetrava nel sottosuolo. Le gocce d’acqua arrivavano nella galleria e si univano alle altre. Questa cosa succedeva molto lentamente. L’acqua ci metteva dei mesi prima di uscire dalla galleria. Gli Etruschi così avevano sempre acqua: quando pioveva la raccoglievano in grandi cisterne sotterranee; avevano acqua anche quando non pioveva, perché c’era l’acqua delle gallerie. Questo modo di raccogliere le acque sotterranee esiste ancora oggi in molti paesi del mondo, specialmente in quei luoghi dove l’acqua scarseggia.


Portfolio

Mappa dell'antica Etruria Disegno della struttura dei canali

Agenda

<<

2019

 

<<

Août

 

Aujourd'hui

LuMaMeJeVeSaDi
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
Aucun évènement à venir les 6 prochains mois